mercoledì 14 novembre 2007

Come vedi

Recupero dal vecchio blog: 8 Gennaio 2006

E' mia intenzione, per ogni domenica che verrà , postare una citazione di una frase che mi abbia particolarmente colpito per la sua bellezza, per il suo significato o, più in generale per il suo potere espressivo. Molte di queste frasi possono venire fuori da una canzone, da una poesia, da un libro; oppure, più semplicemente, vengono colte mentre si fa la fila alla posta o ci si trova da un barbiere. A volte dirò qualcosa a riguardo, altre volte non ce ne sarà bisogno (come oggi). Volevo iniziare con qualcosa di profondo ed ho scelto uno dei miei cantautori preferiti: Francesco Guccini Ecco la frase, tratta dalla canzone Lettera, che non commento perchè non mi sento all'altezza :) (magari pensateci voi ... ) :
"... Come vedi tutto è¨ usuale,
solo che il tempo chiude la borsa
e c'è il sospetto che sia triviale
l'affanno e l'ansimo dopo una corsa,
l'ansia volgare del giorno dopo,
la fine triste della partita,
il lento scorrere senza uno scopo,
di questa cosa
che chiami
vita."

2 commenti:

Mario Scafidi ha detto...

C'è racchiusa in sintesi, nei pochi versi di Guccini, una lunga digressione su ciò che, permettimi di dirlo, "ammala" il nostro quotidiano.
A volte mi viene da chiedermi se non si potrebbe vivere meglio smettendo semplicemente di pensare. Non c'è pratica più distruttiva del ragionamento, che si infanga nell'elucubrazione e volgarmente finisce nella sega mentale.
In maniera molto meno aulica e prosaica Vasco ha scritto "si può spegnere ogni tanto il cervello
smettere almeno di usare solo quello
si può far finta che non ci sia niente
anche quando ti tremano le gambe". Non so, ma io personalmente vedo un fil rouge tra i versi di Guccini, le esternazioni di Vasco, e la mia personale saturazione nei confronti delle pieghe del tutto inutili ed avvilenti che ci ammorbano nel quotidiano.

ILaNira ha detto...

Una riflessione malinconica dettata dall'amara (e matura) consapevolezza che lo scorrere del tempo trascina via con sé le nostre esperienze, le nostre emozioni passate. Nello stesso momento in cui ti rendi conto di questa realtà, svanisce anche la speranza, la fiducia verso un ipotetetico futuro benessere.
Il tempo trascinerà via con sè anche quello.
E ora la smetto di drogarmi pesante.